Passa ai contenuti principali

INTERVISTA DI SERGEI LAVROV AL QUOTIDIANO CINESE XINHUA

 Vi pubblico interamente qui, tradotta da me, l'intervista del Ministro degli Esteri russo Lavrov, rilasciata al quotidiano cinese "Xinhua" nella giornata di oggi, Venerdì 30 Aprile.

"Domanda: Cosa ne pensi, qual è l'essenza della crisi ucraina? Cosa può fare la comunità internazionale per risolvere questo problema?

S.V.Lavrov: Quando parliamo della crisi ucraina, dobbiamo parlare, prima di tutto, della linea distruttiva a lungo termine degli stati occidentali, guidati dagli Stati Uniti, che dopo la fine della Guerra Fredda hanno stabilito un corso per la formazione di un ordine mondiale unipolare. Una delle componenti chiave di tali azioni è stata l'espansione sconsiderata della NATO a est. E questo nonostante i corrispondenti impegni politici presi con la leadership sovietica sulla non espansione dell'Alleanza. Come sapete, queste promesse sono rimaste parole vuote. In tutti questi anni, le infrastrutture della NATO si sono avvicinate ai confini russi.

Gli occidentali non sono mai stati imbarazzati dal fatto che con le loro azioni stanno violando gravemente i loro obblighi internazionali di non rafforzare la propria sicurezza a scapito della sicurezza degli altri. In particolare, Washington e Bruxelles hanno respinto con arroganza le iniziative avanzate dalla Russia nel dicembre dello scorso anno per fornire al nostro paese garanzie di sicurezza nella direzione occidentale. Si trattava di fermare il processo di allargamento della NATO, rifiutando di schierare armi minacciose in Ucraina e riportando l'infrastruttura militare dell'Alleanza alla configurazione a partire dal 1997, quando fu concluso l'Atto fondatore sulle relazioni NATO-Russia. 

È noto che gli Stati Uniti e i paesi della NATO hanno sempre visto l'Ucraina come uno degli strumenti per scoraggiare la Russia. Per molti anni, hanno attivamente fomentato sentimenti anti-russi lì, costringendo Kiev a fare una scelta artificiale e falsa: o con l'Occidente o con Mosca.

È stato l'Occidente collettivo che prima ha provocato e poi sostenuto il colpo di stato anticostituzionale a Kiev nel febbraio 2014, i nazionalisti sono saliti al potere in Ucraina, che hanno immediatamente scatenato un bagno di sangue nel Donbass, e nel resto del paese hanno fatto un corso per distruggere tutto ciò che è russo. Permettetemi di ricordarvi che è stato a causa di questa minaccia che i residenti della Crimea hanno votato in un referendum nel 2014 per la riunificazione con la Russia.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti e i loro alleati non hanno fatto nulla per fermare il conflitto interno ucraino. Invece di incoraggiare Kiev a una soluzione politica sulla base del pacchetto di misure di Minsk, hanno "pompato" il regime di Kiev con armi, addestrato e armato l'esercito ucraino e i battaglioni nazionalisti e, in generale, hanno effettuato lo sviluppo politico-militare del territorio dell'Ucraina. Hanno incoraggiato l'aggressivo corso anti-russo attuato dalle autorità di Kiev. In effetti, hanno spinto i nazionalisti ucraini a interrompere il processo negoziale e risolvere il "problema del Donbass" con la forza.

Eravamo profondamente preoccupati per i programmi biologici sostenuti dal Pentagono in Ucraina, nelle immediate vicinanze dei confini della Russia. E, naturalmente, non potevamo ignorare le intenzioni non mascherate della leadership di Kiev di acquisire un potenziale nucleare militare, che creerebbe una minaccia inaccettabile per la sicurezza nazionale della Russia.

In queste condizioni, non abbiamo avuto altra scelta che riconoscere le Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk e lanciare una speciale operazione militare volta a proteggere le persone dal genocidio dei neonazisti, dalla smilitarizzazione e dalla denazificazione dell'Ucraina. Vorrei sottolineare che la Russia sta svolgendo le sue azioni nel quadro dell'adempimento dei suoi obblighi ai sensi dei trattati bilaterali sulla cooperazione e l'assistenza reciproca con la DPR e la LPR, su richiesta ufficiale di Donetsk e Lugansk sulla base dell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite sul diritto all'autodifesa.

L'operazione militare speciale lanciata il 24 febbraio si sta sviluppando rigorosamente secondo i piani. Tutti i suoi obiettivi saranno certamente raggiunti, nonostante l'opposizione dei nostri avversari. Ora stiamo assistendo alla manifestazione dei classici "due pesi e due misure" e dell'ipocrisia dell'establishment occidentale. Esprimendo pubblicamente sostegno al regime di Kiev, gli alleati stanno facendo del loro meglio per impedire il completamento dell'operazione raggiungendo accordi politici. Varie armi stanno fluendo in Ucraina attraverso la Polonia e altri paesi della NATO. Tutto questo viene fatto con il pretesto di "combattere l'invasione", e, infatti, gli Stati Uniti e l'Unione Europea intendono combattere con la Russia "fino all'ultimo ucraino", e sono assolutamente indifferenti al destino dell'Ucraina come soggetto indipendente delle relazioni internazionali.

Per soddisfare le proprie ambizioni geopolitiche, l'Occidente è pronto a mettere a repentaglio la sicurezza energetica e alimentare di intere regioni del mondo. Altrimenti, come spiegare il volano rampante delle sanzioni anti-russe, che è stato lanciato dagli occidentali con l'inizio dell'operazione e che non pensano di fermare?

Se gli Stati Uniti e la NATO sono davvero interessati a risolvere la crisi ucraina, allora, in primo luogo, devono tornare in sé e smettere di fornire a Kiev armi e munizioni. Il popolo ucraino non ha bisogno di Stingers e Javelins, ma di questioni umanitarie urgenti. La Russia lo fa dal 2014, durante il quale decine di migliaia di tonnellate di carichi umanitari sono stati consegnati al Donbass, e dall'inizio di un'operazione militare speciale, circa 15.000 tonnellate di aiuti umanitari sono già state consegnate alla parte dell'Ucraina liberata dal regime di Kiev, dal DPR e dalla LPR.

In secondo luogo, è necessario che Kiev fermi le provocazioni ciniche, anche nello spazio dell'informazione. Le formazioni armate ucraine, usando i civili come "scudo umano", effettuano barbari bombardamenti delle città, come nel caso di Donetsk e Kramatorsk. Con crudeltà sugli animali, deridono i militari russi detenuti, pubblicando le loro atrocità su Internet. E allo stesso tempo, con l'aiuto dei loro protettori occidentali e dei media globali controllati dagli occidentali, accusano l'esercito russo di crimini di guerra. Spostano, come diciamo, la responsabilità di ciò che accade da una testa malata a una sana.

È giunto il momento che l'Occidente smetta di "imbiancare" incondizionatamente e coprire Kiev. Altrimenti, Washington, Bruxelles e altre capitali occidentali dovrebbero essere consapevoli della responsabilità per la complicità dei nazionalisti ucraini nei crimini sanguinosi.

Domanda: Quali misure ha adottato la Russia per proteggere la vita e le proprietà dei civili e quali sforzi ha compiuto per stabilire corridoi umanitari?

S.V.Lavrov: Come ho già notato, un'operazione militare speciale sta procedendo secondo i piani. Nel suo quadro, i militari russi stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per evitare perdite tra la popolazione civile. Gli attacchi vengono effettuati con armi ad alta precisione, principalmente su infrastrutture militari e luoghi di concentrazione di veicoli corazzati. A differenza dell'esercito ucraino e dei gruppi armati nazionalisti, che usano la popolazione come "scudo umano", l'esercito russo fornisce alla popolazione locale tutti i tipi di assistenza e supporto.

I corridoi umanitari vengono aperti quotidianamente nelle direzioni di Kharkiv e Mariupol per evacuare i residenti da aree pericolose, ma il regime di Kiev richiede ai "battaglioni nazionali" che controllano le aree interessate di non rilasciare civili. Tuttavia, molti riescono a uscire con l'assistenza di militari della Russia, della DPR e della LPR. Durante il CVO, la hotline del Quartier Generale di coordinamento interdipartimentale della Federazione russa per la risposta umanitaria ha ricevuto richieste di assistenza nell'evacuazione di 2,8 milioni di persone in Russia, di cui 16 mila erano cittadini stranieri e dipendenti delle missioni internazionali delle Nazioni Unite e dell'OSCE. In totale, 1,02 milioni di persone sono state evacuate dall'Ucraina, dal DPR e dalla LPR, di cui oltre 120 mila sono cittadini di paesi terzi, tra cui oltre 300 cittadini cinesi. Nelle entità costitutive della Federazione Russa, ci sono più di 9,5 mila punti di alloggio temporanei dotati di tutto il necessario. Forniscono posti per il riposo e pasti caldi. Ai rifugiati in arrivo viene fornita assistenza medica e psicologica qualificata.

La Russia sta adottando misure per garantire la navigazione civile nelle acque del Mar Nero e del Mar d'Azov. Un corridoio umanitario, che è una corsia sicura per le navi, viene aperto ogni giorno. Tuttavia, la parte ucraina continua a bloccare le navi straniere, creando una minaccia di bombardamenti nelle sue acque interne e nel mare territoriale. Inoltre, unità delle forze navali dell'Ucraina hanno piantato mine sulla costa, nelle acque dei porti e delle acque territoriali. Questi ordigni esplosivi si staccano dai cavi di ancoraggio e vanno alla deriva in mare aperto, il che rappresenta un serio pericolo sia per le marine che per le infrastrutture portuali dei paesi del Mar Nero.

Domanda: Dall'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina, i paesi occidentali hanno adottato molte sanzioni senza precedenti contro Mosca. Quale impatto pensa che queste sanzioni avranno sulla Russia? Quali sono le principali contromisure che il suo paese ha adottato? Ci sono rapporti che una "nuova guerra fredda" è arrivata – qual è la tua opinione?

S.V.Lavrov: In effetti, l'operazione speciale per proteggere il Donbass è diventata un'occasione per l'Occidente collettivo di introdurre misure restrittive massicce contro la Russia, le sue persone giuridiche e gli individui; negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Canada e nei paesi dell'UE, non nascondono gli obiettivi di "strangolare" la nostra economia, minare la sua competitività, bloccare l'ulteriore sviluppo progressivo del paese. Allo stesso tempo, i circoli dominanti dell'Occidente non sono imbarazzati dal fatto che le sanzioni anti-russe stanno già iniziando a danneggiare i cittadini comuni dei loro stessi stati. Mi riferisco al deterioramento delle dinamiche economiche negli Stati Uniti e in molti paesi europei, tra cui l'aumento dell'inflazione e della disoccupazione.

È ovvio che questa linea russofoba non solo non può essere giustificata da nulla, ma non ha nemmeno prospettive. Come ha osservato il presidente Vladimir Putin, la Russia ha resistito a questa pressione senza precedenti. Ora la situazione si sta stabilizzando, anche se, ovviamente, non tutti i rischi sono già passati.

In ogni caso, non sarà possibile indebolirci. Sono fiducioso che riconfigureremo l'economia e ci proteggeremo da possibili azioni ostili illegittime degli oppositori in futuro. Continueremo a rispondere con attenzione e in modo adeguato alle restrizioni imposte, guidati dai compiti di mantenere la stabilità dell'economia russa, del suo sistema finanziario, nonché degli interessi delle imprese nazionali e dell'intera popolazione. Concentreremo i nostri sforzi sulla de-dollarizzazione, la deoffshorization, la sostituzione delle importazioni e il rafforzamento dell'indipendenza tecnologica. Continueremo ad adattarci alle sfide esterne e a intensificare i programmi per lo sviluppo di industrie promettenti e competitive. 

Durante il periodo di turbolenza continua, le nostre speciali misure di risposta economica necessarie per garantire il normale funzionamento dell'economia russa continueranno a funzionare e si espanderanno. La Russia, in qualità di partecipante responsabile nel mercato mondiale, intende continuare ad adempiere coscienziosamente ai suoi obblighi ai sensi dei contratti internazionali in termini di forniture di esportazione di prodotti agricoli, fertilizzanti, vettori energetici e altri prodotti di importanza critica. Siamo profondamente preoccupati per la possibile crisi alimentare provocata dalle sanzioni anti-russe e siamo ben consapevoli dell'importanza dell'approvvigionamento di beni socialmente significativi, compreso il cibo, per lo sviluppo socio-economico degli Stati dell'Asia, dell'Africa, dell'America Latina e del Medio Oriente.

Per quanto riguarda la seconda parte dell'interrogazione, sarò breve. Oggi non stiamo parlando di una nuova Guerra Fredda, ma, come ho già notato, del persistente desiderio di Washington e dei suoi satelliti, che si immaginavano "arbitri del destino dell'umanità", di imporre un modello usa-centrico dell'ordine mondiale. È arrivato al punto in cui la minoranza occidentale sta cercando di sostituire l'architettura incentrata sulle Nazioni Unite e il diritto internazionale formato dopo la seconda guerra mondiale con il proprio "ordine basato sulle regole". Washington e i suoi alleati scrivono queste regole da soli e poi le impongono alla comunità internazionale come vincolanti.

Deve essere chiaro che questa linea distruttiva degli Stati Uniti è stata perseguita per più di un decennio. Basti citare l'aggressione della NATO contro la Jugoslavia, l'attacco all'Iraq, alla Libia, il tentativo di distruggere la Siria, le "rivoluzioni colorate" orchestrate nelle capitali occidentali in un certo numero di paesi, tra cui l'Ucraina. Tutto ciò è costato centinaia di migliaia di vite, ha portato al caos in varie regioni del pianeta.


Coloro che perseguono un corso indipendente in politica interna ed estera, gli occidentali stanno cercando di sopprimere con i metodi più rozzi. E non solo la Russia. Vediamo come il "pensiero di blocco" è imposto nella regione Asia-Pacifico. Qual è la cosiddetta strategia indo-pacifica promossa dagli Stati Uniti, che ha un pronunciato orientamento anti-cinese. Nello spirito dell'arcaica "Dottrina Monroe", gli Stati Uniti cercano di dettare come e secondo quali standard l'America Latina dovrebbe vivere. Questo spiega l'embargo commerciale illegale a lungo termine di Cuba, le sanzioni contro il Venezuela, i tentativi di "scuotere" la stabilità in Nicaragua e in alcuni altri paesi. In questo senso e la pressione incessante sulla Bielorussia. L'elenco potrebbe continuare.

È ovvio che i tentativi dell'"Occidente collettivo" di impedire il corso naturale della storia, di risolvere i loro problemi a spese degli altri sono condannati. Il mondo di oggi ha diversi centri decisionali, è multipolare. Vediamo quanto dinamicamente si stanno sviluppando gli stati dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina. Ognuno ha una reale libertà di scelta, comprese le modalità di sviluppo e partecipazione ai progetti di integrazione. La nostra speciale operazione militare in Ucraina contribuisce anche al processo di liberazione del mondo dall'oppressione neocoloniale dell'Occidente, densamente mescolata con il razzismo e un complesso di esclusività.

Quanto prima l'Occidente farà i conti con le nuove realtà geopolitiche, tanto meglio sarà per se stesso e per l'intera comunità internazionale. Come ha sottolineato il presidente Xi Jinping al Boao Forum, "Dobbiamo sostenere il principio dell'indivisibilità della sicurezza, costruire un'architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile e contrastare la costruzione di una sicurezza nazionale basata sull'insicurezza in altri paesi".

Domanda: I negoziati russo-ucraini hanno attirato grande attenzione della comunità mondiale. Quali sono attualmente i principali ostacoli ai negoziati? Come vede la prospettiva di un trattato di pace tra le due parti? Quali relazioni bilaterali intende stabilire la Russia con l'Ucraina in futuro?


S.V.Lavrov: Attualmente, le delegazioni russa e ucraina stanno discutendo quotidianamente un progetto di possibile accordo in videoconferenza. Questo documento dovrebbe registrare tali elementi dello stato di cose post-conflitto come la neutralità permanente, lo status non nucleare, non allineato e smilitarizzato dell'Ucraina, nonché le garanzie della sua sicurezza. L'agenda dei colloqui include anche la denazificazione, il riconoscimento di nuove realtà geopolitiche, la revoca delle sanzioni, lo status della lingua russa e altri. La soluzione della situazione in Ucraina consentirà di dare un contributo significativo all'allentamento delle tensioni politico-militari in Europa e nel mondo nel suo complesso. Come una delle opzioni possibili, si prevede di creare l'istituzione di stati garanti, tra cui, prima di tutto, i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, tra cui Russia e Cina. Condividiamo con i diplomatici cinesi informazioni sullo stato di avanzamento dei colloqui. Siamo grati a Pechino, così come ad altri partner BRICS, per la sua posizione equilibrata sulla questione ucraina.

Siamo favorevoli al proseguimento dei colloqui, anche se non sono facili.

Hai ragione a chiedere cosa li sta fermando. Ad esempio, questa è la retorica bellicosa e le azioni incendiarie dei patroni occidentali di Kiev. In realtà lo incoraggiano a "combattere fino all'ultimo ucraino", pompando il paese con armi e inviando mercenari lì. Vorrei sottolineare che i servizi speciali ucraini hanno messo in scena una grossolana provocazione sanguinosa a Bucha con l'aiuto degli occidentali, anche per complicare il processo negoziale.

Sono convinto che sarà possibile raggiungere accordi solo quando Kiev inizierà ad essere guidata dagli interessi del popolo ucraino, e non da "consiglieri da lontano".

Per quanto riguarda le relazioni russo-ucraine, la Russia è interessata a un'Ucraina pacifica, libera, neutrale, prospera e amichevole. Nonostante il corso anti-russo dell'attuale leadership, ricordiamo la storia secolare di legami culturali, spirituali, economici e semplicemente familiari tra russi e ucraini. Ripristineremo sicuramente questi legami."

Fonte: https://mid.ru/ru/foreign_policy/news/1811525/ 

Commenti

Post popolari in questo blog

ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL COVID-19 NELLA RPDC

  Jean-Claude Martini Delegato Ufficiale della KFA-Italia Direttore del Centro Studi sul Juche – Toscana e del Gruppo di Studio di Fermo del Kimilsungismo-Kimjongilismo Il mese di maggio di quest'anno si è contraddistinto, oltre che per i vari eventi che si susseguono senza sosta in campo internazionale, per lo scoppio del primo focolaio di Covid nella Repubblica Popolare Democratica di Corea dopo due anni che il Paese si era mantenuto stabilmente a quota 0 contagi. Il governo popolare coreano ha messo in campo una risposta immediata, tempestiva ed estremamente efficace: il 12 maggio il Partito del Lavoro di Corea ha convocato l'VIII sessione dell'Ufficio Politico dell'VIII Comitato Centrale 1 , nella quale si è data informazione che alla fine di aprile ha iniziato a diffondersi la variante Omicron (BA.2) del Covid-19 nel paese. A seguito delle aspre critiche rivolte al settore antiepidemico, l'UP ha decretato il passaggio dal sistema di prevenzione statale al sis

HO PAURA LO CONFESSO

HO PAURA LO CONFESSO Oggi è il 25 Aprile e quest’anno questa ricorrenza la sento lontana da me, mi è aliena più di quanto non lo fosse già negli anni passati. Se l’anno scorso, due anni fa, 5 anni fa, non mi sarei unito all’ipocrisia della retorica liturigia della Liberazione, per evidenti elementi che testimoniavano e testimoniano la totale assenza di sovranità e indipend enza nazionale, quest’anno non solo non mi unisco, ma mi limito a soffrire in silenzio. In tutta onestà ho ingenuamente confidato nel fatto che almeno questa giornata la avrebbero in qualche modo salvata dall’ondata di nazismo dilagante, ma mi sono sbagliato. E forse è esattamente questo quello che mi inquieta: non riuscire a prevedere ogni mossa, non riuscire a ipotizzare quanto infinito sia il livello della escremenzialità ideologica della classe dominante. Ho paura, un tipo di paura nuovo che mai prima ho provato e che non riesco a descrivere. È un sentimento nuovo, tremendamente oscuro. È una paura profonda e an